Azionario USA

AVVISO AI NAVIGANTI - AMERICA FIRST

21 September 2020 | By Marco Parlangeli
.iaole azzorre

L’opzione migliore di investimento continua ad essere ancora quella dell’azionario USA, ma come il Nostromo ha detto in diverse occasioni, con un orizzonte che non superi i due mesi. Quindi, chi ha i titoli se li tenga anche se ogni tanto arriverà qualche scossone, chi vuole scendere in campo sia pronto ad uscirne prima di novembre. In entrambi i casi sarà comunque necessaria una buona dose di sangue freddo e resistenza agli up and down: l’instabilità e la volatilità saranno infatti la cifra di questo scorcio del tormentato 2020. Meglio i vecchi, solidi, tradizionali titoli industriali che

AVVISO AI NAVIGANTI - IL GOZZO DEL POLLO INGORDO

Uno dei più brillanti compagni di navigazione del Nostromo, anche lui esperto per aver solcato ogni sorta di mare, ricordava un vecchio proverbio di matrice agricola: al pollo ingordo scoppiò il gozzo. Da vecchio lupo di mare, faceva notare come allontanandoci dai fondamentali, il rischio di scoppio della bolla si fa via via più pericoloso. Vero, non fa una grinza. Molti dei nostri lettori, vedendo a giorni alterni i mercati azionari scendere anche di molto, avranno pensato che siamo vicini alla resa dei conti. E come abbiamo detto più volte, prima o poi il botto arriva, un po' come il big one

AVVISO AI NAVIGANTI - USA... E GETTA?

.trump

Negli ultimi mesi il Nostromo ha spesso consigliato ai naviganti la rotta degli Stati Uniti, in particolare il mercato azionario. Dal picco del coronabond, 3 mesi orsono, l'indice ha segnato un bel + 35%, e di questo non può che essere contento. In realtà, quello fu un momento di minimo, ma anche nei mesi precedenti il mercato era sempre salito. Ora NYSE e NASDAQ stanno accusando qualche colpo d'arresto, a pensarci bene del tutto ragionevole: un po' i contrasti con la Cina - che ogni tanto riemergono come un blob - un po' gli alti e bassi dei contagi, soprattutte le prese di beneficio di chi

Non cadere in tentazione (teniamoci la liquidità che tra poco arriva l'Orso)

13 June 2017 | By Marco Parlangeli

Ormai giunti a metà di questo strano 2017, se non di veri e propri bilanci può essere tempo almeno di una verifica e aggiornamento della nostra asset allocation. Dopo i primi due/tre mesi scoppiettanti e molto generosi per gli investitori e un secondo trimestre di cabotaggio ordinario, stretti fra Trump e le elezioni francesi, fra i tassi americani che (ancora) non crescono e il quantitative easing che (per ora) diminuisce molto lentamente, cosa ci aspetta nella seconda parte dell'anno? I lettori fedeli di questo blog, che avessero avuto la voglia di seguirne le indicazioni, a questo punto