2019 ANNUS MIRABILIS

2019 ANNUS MIRABILIS

Mar, 12/31/2019 - 09:30
|   
0 commenti

Come l’anno scorso di questi tempi eravamo a leccarci le ferite per le disastrose performance di quasi tutti i mercati, per la prima volta dal 1901 tutte contemporaneamente negative, così quest’anno salutiamo invece la chiusura di un annus mirabilis, che ha consentito a molti di recuperare buona parte delle perdite del 2018 e a quasi tutti gli investitori di chiudere i propri portafogli con segno positivo.

Maglia rosa questa volta la borsa italiana, con l’indice azionario che ha realizzato uno straordinario e irripetibile +28,2%. Chi avesse investito 100 eurini il 1° gennaio 2019 nell’indice FTSE-MIB, quello che sintetizza l’andamento dei titoli a maggior capitalizzazione del nostro mercato, potrebbe oggi ritrovarsene 128,2; ma alcuni titoli singoli hanno consentito guadagni ancora maggiori: a titolo esemplificativo Azimut +122%; Poste Italiane + 47%; Enel +42%.

Ma anche le obbligazioni tutto sommato non sono andate male, pur restando i rendimenti ancora molto bassi. Proprio perché i tassi non sono aumentati come si temeva, i prezzi dei titoli in generale non hanno subito grosse penalizzazioni.

Sempre molto sostenuta la borsa americana, cresciuta nell’anno del 22%, con prezzi che – pur già elevatissimi in rapporto agli utili delle società – hanno continuato a crescere imperterriti, consentendo agli indici azionari (in primo luogo lo Standard&Poor) di raggiungere livelli record. Il dollaro, come ci si attendeva, è diminuito e questo ha danneggiato gli investitori stranieri in valuta USA, ma ha fortemente avvantaggiato l’economia statunitense, favorendo le esportazioni nonostante l’effetto negativo dei dazi di Trump.

Alla fine anche l’azionario europa si è difeso bene, neutralizzando la storia infinita della Brexit che all’inizio dell’anno era ancora in alto mare e ora sembra aver imboccato la via della risoluzione.

Come si vede, una situazione con molte luci e poche ombre, non facile da decifrare. L’economia negli USA va bene ma non benissimo, in Europa è piuttosto debole e in Italia certo non brilla. Allora perché le borse sono esplose?

Intanto, come ormai i nostri lettori sanno bene, le borse non riflettono completamente l’andamento dei sistemi economici. La teoria ci dice che le quotazioni dovrebbero incorporare gli utili attesi delle società sul mercato, nel senso che se si prevede che un’azienda possa distribuire maggiori dividendi in futuro, il suo valore in borsa dovrebbe aumentare. Quindi i prezzi dei titoli salgono non tanto se la società va bene, ma se si prevede che in futuro vada meglio di oggi e sia in grado di distribuire ai suoi azionisti più dividendi.

La pratica ci insegna invece che molto spesso l’andamento dei titoli è ben poco correlato alla situazione economica e finanziaria delle società emittenti. Un po’ perché la vera situazione aziendale non sempre è conosciuta dagli investitori, che fanno unicamente affidamento sui dati pubblici. Un po’ perché spesso il mercato si fa dei film che sono pura fantasia, come quando iniziano a girare voci su probabili acquisizioni o scalate che gonfiano i prezzi, ma poi si rivelano infondate, vere e proprie fake news.

I veri artefici della prolungata e scoppiettante stagione dei mercati sono in realtà le banche centrali, che governano i tassi di interesse attraverso la politica monetaria, ormai unico driver dei sistemi economici, come più volte abbiamo scritto sul blog. Si è diffusa fra gli investitori, in modo non ingiustificato, la convinzione che se l’economia dovesse andare male, le banche centrali sono disposte a ridurre ancora i tassi, e che se tendesse a surriscaldarsi comunque non aumenteranno i tassi stessi. Ciò perché la politica (Trump docet) non accetterebbe – in chiave prettamente elettorale – una politica monetaria restrittiva, sapendo che politica fiscale e politica di bilancio sono due leve praticamente inutilizzabili. A maggior ragione se l’inflazione, come è nel caso attuale, non mostra nessuna voglia di rialzare la testa e anzi fa fatica a raggiungere il livello considerato di equilibrio del 2% all’anno.

Ancora troppo recenti le scottature della grande crisi del 2007 quando le banche centrali (la Fed e la Bce in primo luogo) esitarono mesi prima di allentare la morsa dei tassi e si ostinarono a perseguire le politiche restrittive messe a punto quando le cose andavano bene. Così facendo tolsero liquidità e ammortizzatori a sistemi che ne avrebbero avuto gran bisogno. Oggi è storia, ma si provi a chiedere ai tanti imprenditori mandati in default a quell’epoca per aver trovate chiuse le porte del credito in momenti di difficoltà di mercato, o per aver dovuto pagare oneri finanziari insostenibili.

Durerà la pacchia? Difficile a dirsi, ma certo è che prima o poi una flessione è nell’ordine naturale delle cose. I mercati non possono crescere all’infinito decorrelati dall’economia, non l’hanno mai fatto nella storia e non lo faranno neanche ora. Il tema vero è sapere quando ciò accadrà.

Intanto, godiamoci i risultati di quest’anno che volge al termine.

Buon 2020 a tutti i lettori del blog.